Associazione Nazionale del Libero Pensiero "Giordano Bruno"

 

Requires Acrobat Reader.


ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEL LIBERO PENSIERO "GIORDANO BRUNO" 

Fondata nel 1906

Aderente all' Union Mondiale des Libres Penseurs - International Humanist and Ethical Union

Presidenza nazionale e Presidenza sezione di Roma - Coordinamento Web :

prof.ssa Maria Mantello,


Roma

e.mail

 

Presidenza Onoraria e Sezione di Torino:

avv. Bruno Segre


Torino

e.mail , e.mail2


 

 


 

Piazza Fontana, la strategia per reprimere libertÓ e diritti

di Giacomo Nocera

 

 

 

Il 12 dicembre 1969 Ŕ una data che ha segnato una svolta nella storia italiana. Quel giorno una bomba collocata da un gruppo di fascisti di Ordine Nuovo, con la collaborazione e la copertura degli apparati dello stato, esplode nella Banca Nazionale dell’Agricoltura di Piazza Fontana e uccide 17 persone. Tre giorni dopo l’anarchico Giuseppe Pinelli, ingiustamente accusato di essere coinvolto nella strage, viene fatto precipitare dal quarto piano della questura.

Da lý parte una trama politica – gestita dal Ministero degli Interni e dai servizi segreti – che attribuisce ai gruppi di estrema sinistra la responsabilitÓ dell’attentato: Pietro Valpreda passa anni in galera prima di essere riconosciuto innocente. L’obiettivo era gettare il paese nel terrore e favorire una svolta autoritaria, per bloccare il forte movimento di rivendicazioni sindacali, sociali e politiche che volevano cambiare profondamente la societÓ e farla uscire dall’oscurantismo clericale gestito dalla Democrazia Cristiana.

 L’Italia era al centro di trame gestite in prima persona dagli Stati Uniti e dai loro servizi segreti, che organizzavano e utilizzavano le basi di una vera e propria “Internazionale nera” che aveva le basi nei regimi fascisti di Spagna e Portogallo e che avevano organizzato nel 1968 il colpo di stato dei colonnelli in Grecia. E i legami tra i fascisti italiani e il regime greco sono stati decisivi nell’organizzazione delle stragi in Italia.

Nel tempo una serie di inchieste, giudiziarie e giornalistiche, hanno portato all’affermazione della veritÓ: la strage di Piazza Fontana era un tassello di una strategia di lungo periodo che ha insanguinato l’Italia e che, utilizzando la manovalanza dei gruppi di estrema destra, aveva lo scopo di strangolare la democrazia. Un disegno fallito per la mobilitazione di milioni di cittadini e delle forze democratiche, che ha visto pagare per i crimini commessi solo qualche figura fascista di secondo piano e soltanto per qualche episodio, nessuno comunque degli appartenenti allo Stato.

Difendere la veritÓ sulla strage di Piazza Fontana e gridare in piazza che i fascisti sono gli esecutori e lo Stato Ŕ complice, non significa solo affermare una veritÓ storica, ma vuol dire combattere per impedire che gli assassini di ieri assieme ai loro eredi possano propagandare la loro lugubre ideologia di violenza e di morte. 

Allora prevaleva una fase molto avanzata della lotta di classe “contro” i padroni. Questa strage, venuta dopo il 1968, fu fatta per tentare di bloccare il grande movimento pacifista e anti-imperialista internazionale e per tentare di bloccare le rivendicazioni dei lavoratori, che “scoppiarono” nel cosiddetto “autunno caldo” e che portarono ad esempio alla promulgazione dello “Statuto dei Lavoratori, nel 1974.

Adesso, siamo in una fase in cui “i padroni” hanno stra-vinto la loro “guerra di classe” contro le intere popolazioni di quasi tutti gli Stati cosiddetti “occidentali” utilizzando gli effetti economici della cosiddetta “Globalizzazione” e la “Crisi” per tagliare salari e diritti. E’ evidente che un simile “capitalismo-finanziario” non possa che essere fortemente militarista e guerrafondaio. In Italia, le condizioni di lavoro sono ormai vicine a quelle della “servit¨”. Il cosiddetto Job-act, varato dal Governo Renzi (un governo che vara leggi “di destra”) sta cancellando i diritti dello Statuto dei Lavoratori. 

Non dimenticare la nostra “Storia” pu˛ essere molto utile per tentare di ribaltare tale situazione stagnante e tentare di riprendere posizioni economiche e sociali migliori.

 

 

 

 


 

 


 

Direttore Responsabile: Maria Mantello
Webmaster: Carlo Anibaldi 

: