Associazione Nazionale del Libero Pensiero "Giordano Bruno"

 

Requires Acrobat Reader.


ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEL LIBERO PENSIERO "GIORDANO BRUNO" 

Fondata nel 1906

Aderente all' Union Mondiale des Libres Penseurs - International Humanist and Ethical Union

Presidenza nazionale e Presidenza sezione di Roma - Coordinamento Web :

prof.ssa Maria Mantello,


Roma

e.mail

 

Presidenza Onoraria e Sezione di Torino:

avv. Bruno Segre


Torino

e.mail , e.mail2


 

 


27 gennaio 2014, la Memoria della Shoah ci riguarda

La Memoria storica fa paura a quanti non vogliono fare i conti col loro passato. PerchŔ Ŕ un passato scomodo. Che pesa come un macigno.
Di fronte alla Shoah, che non si Ŕ sviluppata dal nulla, ma che ha radici in secoli di antisemitismo, questo macigno Ŕ una valanga che travolge.
...
╚ un peso insopportabile perchŔ ci richiama alla nostra responsabilitÓ di esseri umani. Ci ricorda tutte le volte in cui non abbiamo avuto il coraggio di dire un No netto e chiaro ai soprusi. E abbiamo voltato lo sguardo da un’altra parte: per paviditÓ, per ipocrisia. Ecco allora, che la memoria diviene un fardello pesante per il presente.

E tale deve rimanere, perchŔ ognuno si muova nella consapevolezza che non esistono esseri umani predefiniti.

In nome di un’ idea di uomo preconfezionata si Ŕ stabilito il modello di persona positiva, contrapponendogli l’altro come diversitÓ negativa.

╚ da questo pregiudizio di fondo che si sono inventati addirittura i “diversi per sangue” (e la cosa non Ŕ iniziata con Hitler o Mussolini).

I “diversi” che dovevano essere annientati per mantenere il modello rassicurante del conformismo, utile al potere dominante. In nome di questo modello si sono perpetrati i massacri pi¨ terribili. E la shoah ne Ŕ il simbolo pi¨ drammatico.

Ma la shoah non Ŕ “cosa passata” da gettare alle spalle, perchÚ l’antisemitismo non Ŕ sconfitto. Continua ancora nella “civile” Europa. Oggi lo si camuffa ancora con l’antisionismo, negando allo Stato di Israele il diritto di esistere.

L’antisemitismo ritorna allora come antisionismo per tentare ancora una volta di distruggere gli ebrei. Magari con un massacro che non lasci l’incombenza di vedere immagini raccapriccianti: basterÓ una bomba atomica su Israele.

C’Ŕ chi minaccia di farlo. E non a caso nega la shoah. E non nascondiamoci che non sono pochi coloro che tifano perchŔ questo accada.

Ecco allora ancora il problema centrale: la memoria come peso della responsabilitÓ. PerchŔ esseri umani si diventa, giorno per giorno, attimo per attimo, attraverso le nostre azioni. E a volte, sono maggiori le nostre responsabilitÓ, le nostre colpe, per quello che non facciamo.

╚ bene averne memoria.

Maria Mantello

 

 


 

 


 

Direttore Responsabile: Maria Mantello
Webmaster: Carlo Anibaldi 

: