Associazione Nazionale del Libero Pensiero "Giordano Bruno"

 

Requires Acrobat Reader.


ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEL LIBERO PENSIERO "GIORDANO BRUNO" 

Fondata nel 1906

Aderente all' Union Mondiale des Libres Penseurs - International Humanist and Ethical Union

Presidenza nazionale e Presidenza sezione di Roma - Coordinamento Web :

prof.ssa Maria Mantello,


Roma

e.mail

 

Presidenza Onoraria e Sezione di Torino:

avv. Bruno Segre


Torino

e.mail , e.mail2


.

 




CORONAVIRUS il dopo 

APPELLO per una governance democratica globale

 

Per sottoscrizioni: liberopensiero.giordanobruno@fastwebnet.it   

 

Descrizione: C:\Documents and Settings\Maria\Documenti\Immagini\cooperazioneinternazionale.jpg

 

L’attuale crisi del Coronavirus richiede una cooperazione globale e soluzioni che l’attuale sistema politico nazionale/ inter-nazionale non Ŕ in grado di offrire.

Sette miliardi di esseri umani vivono ora in un mondo globalizzato dall’economia e dalla tecnologia ma diviso in 200 stati nazionali che adottano misure separate con scarso coordinamento ed efficacia.

La pandemia di Covid-19 mostra a ciascuno di essi la prioritÓ della propria visione e dei propri interessi, il che provoca danni inutili all’economia mondiale e alla societÓ globale e costa migliaia di vite umane.

Per definizione, gli stati nazionali non sono in grado di affrontare le questioni globali. I loro fallimenti non riguardano solo i propri cittadini ma hanno effetti di ricaduta su tutti gli abitanti di questo piccolo pianeta interconnesso, danneggiando i beni comuni globali. Il coordinamento e le politiche globali sono urgentemente necessari per difendere l’ecosistema globale e la salute pubblica mondiale e per proteggere l’economia e l’occupazione in tutto il pianeta.

Naturalmente, la sovranitÓ nazionale deve continuare a essere rispettata per gli affari nazionali, ma Ŕ anche necessario un efficace processo decisionale globale per proteggere il benessere e la sopravvivenza dell’umanitÓ nel suo insieme.

Per affrontare efficacemente le pandemie come quella Covid-19, abbiamo bisogno di azioni concrete e vincolanti a livello globale, come i sistemi di allarme rapido, la condivisione delle informazioni, la consegna e l'applicazione delle norme, la gestione della trasmissione attraverso le frontiere e la ricerca sul trattamento dei vaccini.

Tuttavia, mentre l'Organizzazione mondiale della sanitÓ (OMS) Ŕ incaricata di svolgere queste funzioni a livello globale, manca di fondi e meccanismi di applicazione.

Al giorno d'oggi, 127 Stati membri delle Nazioni Unite non hanno ancora pienamente rispettato le norme a causa della mancanza di finanziamenti e volontÓ politica, e l'OMS non pu˛ contrastare i paesi che non rispettano i regolamenti sanitari internazionali e le misure globali di controllo delle malattie esistenti come la PEF, CEF e GHSA. Questi costituiscono infatti una strategia frammentata a livello globale, con finanziamenti disgiunti, politiche disintegrate e autoritÓ debole.

La crisi mostra che tutto l'attuale sistema sanitario nazionale / internazionale non Ŕ preparato per affrontare le pandemie globali come Covid-19, cosý come le questioni mondiali della resistenza antimicrobica e le emergenze legate al riscaldamento globale.

Noi firmatari di questo documento, che siamo solo alcuni dei sette miliardi di cittadini del mondo, chiediamo urgentemente ai leader nazionali e alle istituzioni internazionali di imparare dalla lezione della crisi del Coronavirus. Lavoriamo insieme per consentire un sistema politico del 21░ secolo meglio integrato, rafforzando le istituzioni regionali, riformando le Nazioni Unite e rendendo ogni livello di governance pi¨ rappresentativo ed efficace; ad esempio, attraverso la creazione di un'Assemblea parlamentare delle Nazioni Unite in grado di emanare norme sanitarie mondiali, il potenziamento di una Corte penale internazionale in grado di sanzionare eventuali violazioni e la costruzione di un'organizzazione mondiale della sanitÓ attrezzata per rispondere alle sfide sanitarie globali.     Noi firmatari non proponiamo uno stato o un governo mondiale. Gli stati nazionali sono necessari per gestire i problemi nazionali, ma Ŕ necessario un sistema di governance globale potenziato per affrontare questioni globali come questa pandemia. Altrimenti, il panico generato da risposte nazionali insufficienti alle ricorrenti crisi globali continuerÓ ad accrescere malcontento e rabbia, erodendo le democrazie nazionali e rafforzando il nazionalismo e il populismo, con le loro risposte semplicistiche "sovraniste" a questioni globali complesse e la loro minaccia alla sopravvivenza umana.

    L'umanitÓ Ŕ diventata una vera comunitÓ predestinata. Speriamo che la pandemia di coronavirus ci abbia insegnato quanto Ŕ piccola la Terra e quanto siamo vicini gli uni agli altri. ╚ giunto il momento di applicare i principi del federalismo e della democrazia su scala globale. SovranitÓ, coordinamento e cooperazione condivisi a livello globale o populismo nazionale. Una struttura politica pi¨ federale e democratica in grado di regolare la globalizzazione o ulteriori crisi e caos. Questa Ŕ la questione che ci troviamo ad affrontare.

 

PRIMI FIRMATARI

  Abdullahi A An-Naim, Universidad Emory; Andreas Bummel, Democracy Without Borders; Bertrand Badie, UniversitÚs Ó Sciences Po Paris; Clara Riveros, CPLATAM Colombia; Cristian GimÚnez Corte, professor; Daniel Innerarity, University of the Basque Country - European University Florence; Daniele Archibugi, Consiglio Nazionale delle Ricerche - University of London; Dena Freeman, London School of Economics and Political Science; Elver Hilal, UN Special Rapporteur on Right to Food; Erna Paris, La Sorbonne; Federico Andahazi, author; Fernando Dalla Chiesa, Universitß degli studi di Milano;    Fernando Iglesias, World Federalist Movement; Fernando Savater, Universidad Complutense de Madrid; Fernando Vilella, Universidad de Buenos Aires;    Gabriel Palumbo, Universidad de Buenos Aires; Garrett Wallace Brown, University of Leeds; Guido Montani, University of Pavia; Gurutz Jßuregui, University of the Basque Country, Heikki Patomńki, University of Helsinki, Javier Ansußtegui Roig, Universidad Carlos III de Madrid, Jorge Castro, journalist specialising in international politics;  Juan Campanella, Winner Oscar; Juan JosÚ Sebreli, author; Lorenzo Marsili, University of London; Loris Zanatta, UniversitÓ di Bologna;   Lucio Levi, UniversitÓ di Torino; Luigi Ferrajoli, philosopher; Luis Alberto Romero, historian; Luis Cabrera, Griffith University; Luis Cevasco, prosecutor; Manu Bhagavan, Hunter College; Mary Burton, author; Maximiliano Guerra, dancer; Michele Fiorillo, CIVICO Europa; Nathalie Tocci, Istituto Affari; Internazionali; Nissim Otmazgin, The Hebrew University of Jerusalem; Pier Virgilio Dastoli, European Movement; Maria Mantello - Journalist, Essayist, President Associazione Nazionale del Libero Pensiero "Giordano Bruno",  Raffaele Marchetti, Libera UniversitÓ Guido Carli; Raimondo Cagiano de Azevedo, University of Rome; Richard Falk, Princeton University – Queen Mary University; Richard Sennett, OBE FBA - London School of Economics; Sabrina Ajmechet, Universidad de Buenos Aires; Santiago Kovadloff, Academia Argentina de Letras; Saskia Sassen, Columbia University; Sreemathi Seshadrinathan, Hearts for Hearts; Steven Pinker, Harvard University; Susan George, author; Teivo Teivainen, University of Helsinki;    Theo van Boven, Maastricht University; Tim Murithi, University of Cape Town; Vicente Palermo, CONICET - Club PolÝtico Argentino.


 

 

 

 


 

Direttore Responsabile: Maria Mantello 

: