Associazione Nazionale del Libero Pensiero "Giordano Bruno"

Requires Acrobat Reader.

ARTICOLI

LA “LECTIO MAGISTRALIS” DI RATISBONA

Libero Pensiero 09/2009

 

Consiglio a chi abbia sentito solo parlare della Lectio Magistralis di Benedetto XVI all’UniversitÓ di Ratisbona, di leggersi il bell’articolo di Bruno Gravagnuolo apparso su L’UnitÓ di giovedý 21 settembre. Si troverÓ di fronte a una revisione completa del punto di vista papale, con il rimprovero di aver citato solo l’invettiva di Manuele II Paleologo e non quella del suo interlocutore “dialogante” Mudarris teologo persiano, musulmano.

Barbara Spinelli con molta intelligenza aveva giÓ rilevato su La Stampa che Benedetto XVI “ha fatto un uso parziale di quel colloquio, citando solo una frase insultante di Manuele II contro l’Islam, al punto che il dialogo stesso nel suo insieme Ŕ completamente assente”. In altri termini, mancando una delle due posizioni, il dialogo si riduce a monologo lasciando nel lettore l’impressione errata che Manuele II abbia ragione di insultare l’Islam: “Il che non Ŕ limite da poco dal momento che a nessuno Ŕ lecito (neanche al papa!) stravolgere nell’opposto la veritÓ dei testi, estrapolando ci˛ che fa comodo a fini apologetici”.

D’altro canto si trattava di un dialogo paritetico – cioŔ dialogo/dialogante che non si conclude con un verdetto finale malgrado le dissonanze. La sua conclusione Ŕ salomonica e ironica, seguita dall’invito “alla moderazione e al raziocinio per non sottoporre il corpo a eccessive fatiche”.

Dopo la discussione – mi pare – i due interlocutori si trovano assieme a cena. Ma c’Ŕ un punto che va rilevato come centro della contesa: il rapporto fra rivelazione e ragione, tra fede e razionalitÓ. Il guaio Ŕ che il papa questo rapporto lo ascrive solo al Paleologo cristiano, sottacendo del tutto la posizione del musulmano. Si tratta invece di due repliche in parallelo, che devono stare insieme in un confronto giusto ed equilibrato.

Il cristiano accusa l’Islam di trascendenza assoluta, mentre il musulmano insiste sulla irrazionalitÓ del cristianesimo in quanto immoderato, smisurato a differenza della legge di Maometto, che Ŕ “misura e giusto mezzo” (mÚtron e mes˛tes).

La schermaglia introdotta dal cristiano Manuele II Paleologo era basata su Maometto impostore, ladro della legge mosaica e dell’Evangelo di Ges¨, mentre Mudarris il musulmano spiazza l’avversario ponendo tutto sul piano della razionalitÓ della legge - mÚtron e mes˛tes – “la sua razionalitÓ, la sua applicabilitÓ all’umano, la sua intrinseca coerenza”. Fanatismo dell’Islam? Sangue e spada? Ma – dice il musulmano – Ŕ proprio il messaggio cristologico che forza oltremisura l’umano, a negare mitezza e moderazione e a schiudere la via dell’orgoglio e del fanatismo. “La ragione e il dialogare (dialeghestai) non sono soltanto appannaggio cristiano occidentale”. Il “logos greco” Ŕ tanto cristiano quanto musulmano: si tratta solo di tenerlo ben presente. Certo – conclude il Gravagnuolo – il papa almeno in questo caso ci ha nascosto un simile fatto. “In nome del primato cristiano”.

Prima di dar ragione all’uno o all’altro dei due, sarebbe opportuno che anche oggi si approfondisse la questione e si chiarisse che il torto e la ragione mai si dividono nel mezzo o stanno solo da una parte, ma sono spesso di qua e di lÓ a seconda del modo di condurre il ragionamento.

Paolo Angeleri

ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEL LIBERO PENSIERO "GIORDANO BRUNO" 

Fondata nel 1906

Aderente all' Union Mondiale des Libres Penseurs - International Humanist and Ethical Union

Presidenza nazionale:

prof.ssa Maria Mantello,


Roma

telefax: 067001785,


e.mail

Presidenza sezione di Roma - Coordinamento Web

prof. Maria Mantello


Roma


e.mail

Presidenza Onoraria e Sezione di Torino:

avv. Bruno Segre


Torino


e.mail , e.mail2


Direttore Responsabile: Maria Mantello Webmaster: Carlo Anibaldi 

: