Associazione Nazionale del Libero Pensiero "Giordano Bruno"

Requires Acrobat Reader.

ARTICOLI

Libero Pensiero 06/2007

 

INTERVISTA A TULLIA ZEVI

 “O SI CONVERTE O SI DIALOGA”

Tullia Zevi, ex-presidente dell’Unione delle ComunitÓ ebraiche italiane, una delle figure pi¨ autorevoli e rappresentative dell’ebraismo, intervistata dal giornale L’UNITA’ (9 luglio 2007), ha detto fra l’altro: “Sperare nella conversione Ŕ legittimo ed Ŕ nella natura del cattolicesimo. Ci˛ che non Ŕ accettabile Ŕ operare per la conversione. O si converte o si dialoga. Per questo sono preoccupata per il ripristino deciso da Benedetto XVI della preghiera per gli ebrei “da convertire”.

Tutto quello che pu˛ servire a dissipare gli equivoci e a eliminare gli errori Ŕ importante. Per questo Ŕ importante il dialogo interreligioso, perchŔ nessuno pu˛ cedere o ottenere qualcosa senza una costante consultazione reciproca. Il mio timore Ŕ che questo bisogno di dialogo venga intorpidendosi”.

“o si converte o si dialoga. Io penso che sia importante insistere sul rapporto dialogico equipollente, in cui le due parti siano davvero equivalenti, e il dialogo sia veramente dialogico. La mia paura Ŕ che si attenui lo spirito dialogico. Mi pare che c’incontriamo poco e ci parliamo ancor meno. C’era un Segretario che doveva presiedere i rapporti religiosi tra cristianesimo ed ebraismo: cosa sta facendo per favorire il dialogo? Bisognerebbe che costruissero occasioni e luoghi di confronto! Penso anche  a un triangolo che coinvolga anche gli evangelici”...

“La ricerca della conversione Ŕ sempre unidirezionale, e quindi Ŕ di per sÚ sbilanciata. PerchŔ noi ebrei non cerchiamo di convertire. Per la veritÓ non facciamo neanche sforzi tremendi per  trattenere... . Il salto di mentalitÓ che dovremmo compiere tutti insieme, al di lÓ delle appartenenze religiose, culturali o politiche, Ŕ quello di passare da una cultura della tolleranza a una cultura del dialogo. La tolleranza deve finalmente lasciare il passo al dialogo paritetico tra maggioranze e minoranze. C’Ŕ ancora molta strada da fare, ma bisogna proseguire su questo sentiero”.

ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEL LIBERO PENSIERO "GIORDANO BRUNO" 

Fondata nel 1906

Aderente all' Union Mondiale des Libres Penseurs - International Humanist and Ethical Union

Presidenza nazionale:

prof.ssa Maria Mantello,


Roma

telefax: 067001785,


e.mail

Presidenza sezione di Roma - Coordinamento Web

prof. Maria Mantello


Roma


e.mail

Presidenza Onoraria e Sezione di Torino:

avv. Bruno Segre


Torino


e.mail , e.mail2


Direttore Responsabile: Maria Mantello Webmaster: Carlo Anibaldi 

: